Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Ragusa, celebrata in piazza S. Giovanni la ricorrenza del 172° anniversario della fondazione della Polizia di Stato

68

La bella e suggestiva piazza San Giovanni dove campeggia maestosa la cattedrale barocca della città illuminata da una soleggiata giornata primaverile, è stata la formidabile cornice che oggi 10 Aprile 2024 ha impreziosito la celebrazione della ricorrenza del 172° anniversario della fondazione della Polizia di Stato.

La cerimonia odierna è stata preceduta dalla deposizione di una corona d’alloro presso la stele dedicata alla memoria dei Caduti della Polizia di Stato da parte del Questore della provincia di Ragusa Dr. Vincenzo Trombadore, alla presenza del Prefetto di Ragusa Dr. Giuseppe Ranieri, dei Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, di una rappresentanza dei Funzionari e del personale della Questura e dei Commissariati di Pubblica Sicurezza, di una rappresentanza dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato e rappresentanti delle Organizzazioni sindacali della Polizia di Stato e dell’Amministrazione Civile dell’Interno – nel solco dello spirito di riconosciuta vicinanza della Polizia di Stato ai cittadini – la ricorrenza ha riproposto il tema celebrativo “Esserci sempre” perché fortemente indicativo e caratterizzante dell’impegno costante della Polizia di Stato al servizio e per la sicurezza della collettività.

Dopo la lettura dei messaggi del Presidente della Repubblica, dal Ministro dell’Interno e dal Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, la speaker dell’evento, il Commissario Capo Rosalba Capaccio, ha introdotto l’ingresso del Questore che ha passato in rassegna lo schieramento in uniforme di rappresentanza, del labaro dell’ANPS (Associazione Nazionale Polizia di Stato) Sezione di Ragusa e dei gonfaloni del Libero Consorzio Comunale di Ragusa e del Comune di Ragusa.

Il Questore, dopo aver accompagnato il Prefetto della provincia di Ragusa Dr. Giuseppe Ranieri nella sede dell’evento celebrativo ha preso la parola per un saluto istituzionale alle Autorità civili, militari e religiose ed agli ospiti intervenuti.

Sulla grande scalinata che porta alla cattedrale di S. Giovanni gli alunni del Liceo Musicale e Coreutico “G. Verga” hanno eseguito l’Inno Nazionale e noti brani del repertorio musicale bandistico che hanno scandito le varie fasi della cerimonia.

Le Autorità presenti hanno consegnato gli attestati di riconoscimento a coloro che si sono particolarmente distinti in operazioni di polizia, a testimonianza dell’impegno, abnegazione e dedizione che contaddistinguono gli appartenenti alla Polizia di Stato.

A seguire il Questore ha premiato gli studenti di alcuni istituti scolastici della provincia vincitori della 7^ edizione del progetto/concorso “PretenDiamo Legalità” per l’anno scolastico 2023/2024 che hanno realizzato degli elaborati sul tema. Quattro gli Istituti vincitori: In ex aequo l’Istituto Comprensivo “F. Traina” di Vittoria e l’Istituto Comprensivo “Capuana” di Giarratana; l’Istituto Comprensivo “Serafino Amabile Guastella” di Chiaramonte Gulfi, l’Istituto Tecnico Commerciale “ F. Besta” di S. Croce Camerina.

Schierati in piazza anche gli operatori del Reparto a Cavallo, l’Unità cinofila, i motociclisti della Polizia Stradale, le nuove moto ed auto in dotazione alla “Squadra Volante” dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura ed anche auto e moto storiche della Polizia di Stato.

Momenti di forte emozione hanno poi toccato il pubblico presente quando l’elicottero del Reparto Volo della Polizia di Stato ha sorvolato la piazza con il Tricolore e poi ha sorvolato per tutta la provincia di Ragusa.

Per suggellare il momento della Festa della Polizia e la vicinanza ai cittadini nel pomeriggio di oggi la pattuglia a cavallo presidia la locale Villa Margherita e i Giardini Iblei di Ragusa Ibla.

Esserci Sempre” non è stato solo un tema celebrativo ma anche un costante principio di riferimento che ha guidato l’azione di prossimità diretta alla comunità ragusana.

Con questo spirito, l’iniziativa “Natale insieme” ha visto i poliziotti e le loro famiglie trascorrere una mattinata con i bimbi delle case famiglia e le loro mamme ed i ragazzi diversamente abili di alcuni istituti di Ragusa per assistere, presso il Teatro Salesiano, ad uno spettacolo pieno di colori e luci con la partecipazione straordinaria di Babbo Natale che per l’occasione ha distribuito doni natalizi agli intervenuti.

Iniziative di prossimità sono state inoltre rivolte agli studenti delle scuole di tutto il territorio della provincia. Il Questore infatti ha avviato attraverso i Funzionari e gli operatori specialisti delle varie articolazioni della Polizia di Stato, diversi incontri con gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado ad iniziare da quelle dell’infanzia fino alle scuole superiori. L’obiettivo è promuovere la “Cultura della Prevenzione” per l’affermazione della legalità, partendo proprio dalle giovani generazioni.

In tale ottica, il personale della Polizia di Stato sistematicamente tiene degli incontri con gli studenti di vari istituti scolastici della provincia informando e coinvolgendo i giovani sulle delicate tematiche riguardanti il bullismo, il cyberbullismo, i maltrattamenti in famiglia, la violenza di genere, il contrasto alle sostanze stupefacenti, il rispetto del codice della strada, ecc.

Tra i progetti già avviati, il progetto/concorso “PretenDiamo Legalità” che coinvolge 17 istituti scolastici della provincia, il progetto “Spazi Possibili” prevenzione delle dipendenze patologiche e il protocollo “Guida Sicura” siglato dalla Questura di Ragusa con l’Ufficio Scolastico Provinciale con il supporto della Polizia Stradale e tanti altri convegni e seminari sulle tematiche di maggiore attualità.

L’attività di monitoraggio ed analisi dei fenomeni criminali in ambito provinciale e l’attenta pianificazione delle attività effettuata ha determinato l’adozione di incisive misure di prevenzione, nei confronti di soggetti responsabili di reati di vario genere e/o di persone indiziate di appartenenza ad associazioni mafiose. In particolare, nel periodo preso in esame, n. 53 sono stati i divieti di ritorno e n. 54 gli avvisi orali emessi da parte del Questore mentre n. 22 sono state le proposte di sorveglianza speciale di P.S. avanzate al Tribunale di Catania.

Inoltre, incisiva è stata l’attività collegata al contrasto degli atti di violenza in occasione di manifestazioni sportive, in esito alla quale il Questore ha emesso 35 D.A.SPO (Divieti di Accesso a luoghi nei quali si svolgono attività Sportive).

Infine, per contrastare il crescente degrado dei centri urbani, rafforzare il senso di sicurezza dei cittadini, sono stati emessi 37 D.A.C.UR – Daspo Urbano (Divieto di Accesso a specifiche aree urbane).

La verifica delle disposizioni normative nel settore della polizia amministrativa, mediante il controllo di 364 esercizi pubblici, ha consentito l’accertamento di n.11 Illeciti Amministrativi, con l’emissione dei seguenti provvedimenti del Questore: n.3 Decreti di Rigetto di Licenza, n.7 Decreti di Cessazione di Attività Abusiva, n.16 Decreti di Sospensione Licenza e n.1 Decreto di Revoca di Licenza Giochi.

La costante azione di controllo del territorio ha permesso il raggiungimento di importanti risultati, sotto il profilo della prevenzione generale, accrescendo la fiducia del cittadino che, in modo sempre più consapevole, segnala fatti di rilievo tramite il 112 NUE o avvalendosi anche dei nuovi sistemi informatici, quali l’applicazione YouPol contribuendo a realizzare la cosiddetta “sicurezza partecipata”.

In provincia, sono state controllate complessivamente nr. 107.576 persone e nr. 46.144 veicoli.

Durante l’anno l’azione informativa della Questura ha proseguito ininterrottamente, alimentata anche sulle piattaforme Facebook con più di 26.000 “follower” ed Instagram (che conta 3100 “like”), veicolando informazioni utili per prevenire la commissione di reati e portare a conoscenza del cittadino iniziative e progetti di legalità oltre che notizie sui risultati dell’attività quotidiana d’istituto.

Il sistematico impulso sul fronte del contrasto alla criminalità ha consentito di trarre in arresto nr.212 persone e denunciarne in stato di libertà nr.1114.

Nel contrasto al traffico di droga sono stati sequestrati complessivamente 236 Kg di sostanze stupefacenti (cocaina, hashish e marijuana)

Sul fronte del fenomeno dell’immigrazione l’attività connessa agli sbarchi e al trasferimento di migranti in questa provincia, nonché l’esatta applicazione della normativa e delle procedure vigenti in materia di soggiorno sul Territorio Nazionale hanno determinato nr. 583 provvedimenti di respingimento (di cui n. 4 con trattenimento presso CPR e 579 con Ordine di lasciate il Territorio Nazionale) e nr. 172 espulsioni dal Territorio Nazionale.

Nell’ambito dell’attività relativa alla gestione degli stranieri irregolari rintracciati sul territorio della provincia, sono stati emessi inoltre n.274 provvedimenti di espulsione di cui n.198 eseguiti con trattenimento presso il C.P.R. (Centro per i Rimpatri) e n. 57 provvedimenti con Ordine del Questore a lasciare il Territorio Nazionale e nr.2 eseguiti con accompagnamento alla Frontiera.

Nell’ambito dell’attività di controllo e di verifica del rispetto della normativa sulla circolazione stradale e delle normative speciali che attengono al trasporto pesante e al trasporto di cose ed animali nonché alla tutela del lavoratore e alla sicurezza della circolazione sulla viabilità extraurbana e statale sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria n. 125 persone, ritirate n. 301 patenti, sequestrati amministrativamente i n. 535 e sottoposti a fermo amministrativo n. 362 veicoli.

L’azione sul web contro il cybercrime relativo a pagamenti elettronici e truffe on-line, nonché dei reati contro la persona con l’utilizzo di social network e siti illegali, completano l’azione di prevenzione e repressione condotta dai reparti investigativi della Polizia di Stato di questa provincia. In tale ambito, stati individuati gli autori di episodi delittuosi afferenti alla pedopornografia (adescamento di minori, atti sessuali con minorenni, corruzione di minorenni, realizzazione, diffusione e/o detenzione di materiale riconducibile a pornografia minorile).

Complessivamente sono state n. 99 le persone denunciate all’A.G.