Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Maltempo, Vittoria chiede lo stato di calamità

95

Dopo il maltempo che negli ultimi giorni ha imperversato su tutta la provincia di Ragusa, il Sindaco Francesco Aiello e la Giunta Comunale hanno chiesto lo stato di calamità naturale per i danni registrati in città e specialmente nelle aziende agricole e serricole del territorio. La quantità di pioggia che è caduta in due giorni, ha completamente inondato le campagne della fascia costiera distruggendo le produzioni serricole in un momento cruciale della stagione agraria. I danni sono ingenti. Il sindaco Francesco Aiello avanza una precisa richiesta: “Occorre dichiarare lo stato di calamità per tutti i territori colpiti, soprattutto definire il quadro completo del disastro che ne è conseguito, sia per le infrastrutture urbane sia per le aziende colpite al fine di avanzare le richieste di indennizzo. Ci stiamo coordinando con i sindaci delle aree interessate che insistono nelle Province sud-orientali dell’isola. Il carico idrico rilasciato dal ciclone ha causato violente inondazioni di alcune aere agricole della fascia trasformata a causa anche di un improvvido accumulo nella Diga Ragoleto che sembra avere riversato grandissime quantità di acqua accumulata sulle aree di agricoltura intensiva di Macconi, di Acate e Gela. L’intasamento e l’esondazione del Fiume Ippari ha altresì allagato brutalmente l’intera area di Cammarana sommergendo decine di ettari di serre e di coltivazioni arboree. Esprimo la vicinanza mia e dell’amministrazione a tutti gli imprenditori e i produttori agricoli colpiti da questa calamità. L’amministrazione comunale si impegnerà a sostenere le rivendicazioni di quanti hanno subito danni in un momento delicato della campagna agraria”- ha concluso il Sindaco Aiello, ospitando la conferenza dei sindaci, già concordata con i sindaci dei territori maggiormente convolti dagli eventi calamitosi, e dei produttori agricoli, che si svolgerà nella sala conferenze dell’Emaia, (già adibita a centro vaccinazioni anticovid) alle ore 18 di martedì 14 febbraio 2023. Anche la giunta comunale di Acate chiede la dichiarazione dello stato di calamità naturale.
Intanto è attesa per domani 12 febbraio la visita nel territorio dell’Assessore regionale per le Politiche agricole e Forestali, Luca Sammartino, che visiterà alcune aree colpite dal ciclone.