Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

“Denti e Salute”, al via la settimana della prevenzione per le donne

27

ROMA (ITALPRESS) – Zuccheri, fumo e stress minano la salute dentale di un italiano su due senza risparmiare il sorriso delle donne. Dal 16 al 24 aprile, in occasione della Giornata della Salute della Donna, che ricorre in tutto il Paese il 22 aprile, le donne di tutte le età avranno la possibilità di accedere agli studi dentistici Denti e Salute per visite odontoiatriche specifiche volte alla prevenzione e alla cura delle patologie dentali. Anche il periodo di gravidanza può essere collegato a malattie della bocca: la parodontite, ad esempio, è correlata all’infezione materna, al parto pretermine, al basso peso alla nascita e alla preeclampsia. Con parodontite si intende una condizione infiammatoria causata da batteri che invadono i tessuti connettivi che circondano i denti, come gengive e ossa. Nelle fasi iniziali, la malattia può causare sintomi come gengive dolenti, arrossate e gonfie e sanguinanti anche sottoposte a stimoli minimi, come ad esempio lo spazzolamento dei denti. Anche la menopausa può essere un fattore di rischio nello sviluppo della malattia parodontale. Il calo dei livelli di estrogeni non solo contribuisce alla perdita ossea della colonna vertebrale e del femore, ma anche a quella della mascella, aumentando il rischio di perdita di osso di supporto dei denti e conseguentemente di perdita dei denti.
“Nei casi più gravi – spiega il professor Roberto Weinstein, Direttore Scientifico di Denti e Salute – le gengive possono staccarsi dai denti e i tessuti connettivi si allentano, provocando la caduta dei denti. I cambiamenti ormonali durante la gravidanza, in particolare il marcato aumento di estrogeni e progesterone, possono essere in parte responsabili dell’aumento del rischio di sviluppare parodontite, favorendo lo sviluppo della placca batterica più aggressiva nei confronti dei tessuti di supporto dei denti, i tessuti parodontali. Le strategie di prevenzione delle malattie orali dovrebbero essere incorporate nelle iniziative di prevenzione delle malattie sistemiche croniche per ridurre il peso della malattia sulla popolazione femminile”.

– foto ufficio stampa studiobelive –
(ITALPRESS).