Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Ragusa, minacciava e vessava la convivente: divieto di avvicinamento e braccialetto elettronico per un 28enne

68

La Questura di Ragusa continua la costante azione di contrasto a tutte le forme di violenza nei confronti delle donne e di tutte le fasce deboli. La Squadra Mobile della Questura di Ragusa ha infatti eseguito la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa, con applicazione del dispositivo elettronico di controllo, nei confronti di un uomo di anni 28, responsabile di maltrattamenti in famiglia, pregiudicato per reati contro la persona e contro il patrimonio.

Il provvedimento, disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ragusa, su richiesta del Pubblico Ministero titolare delle indagini, è scaturito a seguito delle innumerevoli condotte violente denunciate dalla convivente.

L’uomo, nel corso della convivenza, con cadenza giornaliera, non ha fatto altro che mettere in atto condotte consistite in aggressioni, minacce di morte, vessazioni continue, pedinamenti, animato soltanto dalla volontà di cagionare alla donna sofferenze, privazioni e umiliazioni che hanno avvilito la personalità della giovane vittima, ormai esausta delle continue sopraffazioni.

La giovane donna, però, sebbene i comportamenti del convivente avessero in lei determinato una sensazione di profondo disagio, non ha esitato a rivolgersi alle forze dell’ordine e a chiedere aiuto.

Nessun dubbio quindi per il Giudice che ha voluto porre fine a tali comportamenti e ad una verosimile reiterazione della condotta violenta ed immotivatamente vessatoria.

Il soggetto, dopo gli adempimenti previsti, è stato sottoposto all’applicazione del dispositivo elettronico di controllo e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.