Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Udienza conclusa, la Juve attende la sentenza sulle plusvalenze

71

ROMA (ITALPRESS) – Più di due ore e mezza circa di dibattimento, ma per il verdetto sulla classifica della Juventus bisognerà ancora aspettare. Non arriverà infatti a stretto giro di posta il dispositivo del Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni dopo l’udienza sul ricorso contro la penalizzazione di 15 punti inflitta alla società bianconera dalla Corte d’appello federale sul caso plusvalenze. Il Collegio a Sezioni Unite, presieduto da Gabriella Palmieri Sandulli, ha cinque giorni di tempo per emettere il dispositivo e ha concluso la Camera di consiglio di oggi, aggiornando a domani la riunione per decidere sul ricorso della Juventus. L’udienza è iniziata regolarmente alle 14:30, alla presenza del nuovo presidente bianconero Gianluca Ferrero e del procuratore generale dello Sport, Ugo Taucer, che ha chiuso la discussione suggerendo un rinvio alla Corte d’appello per via di una “carenza” nelle motivazioni riguardo la penalizzazione, dopo aver comunque difeso l’operato della Procura federale. Quella del rinvio è uno dei tre scenari, insieme al respingimento del ricorso e al suo accoglimento. La Juventus punta all’annullamento senza rinvio della sentenza, definita “sbagliata, piena di errori, come una nave che ha perso la rotta” dall’avvocato Maurizio Bellacosa. Che ha rincarato la dose: “Partiamo dalla dolorosa sera del 20 gennaio scorso, quando è uscita la sentenza impugnata, c’è stato un fenomeno raro: reazione generalizzata di stupore e di incredulità – le sue parole -. E quando, il 30 gennaio, abbiamo letto le motivazioni la nostra sorpresa si è consolidata”. Inoltre nelle carte della Procura di Torino “c’è solo un contesto generico – aggiunge – nulla di più e di diverso che potesse sovvertire le ragioni del proscioglimento di maggio della Juventus”. L’avvocato Bellacosa si è anche soffermato sul concetto di “alterazione del risultato sportivo” citato tra le motivazioni della sentenza, specificando che “le plusvalenze non generano un vantaggio sul campo, ma un effetto positivo nei bilanci”, a fronte anche di “effetti negativi come gli ammortamenti che appesantiscono il bilancio nei successivi cinque anni”. Dopo aver precisato che l’attenzione della difesa non si concentra su “cavilli o formalismi”, ma sulla “violazione di principi basilari del procedimento sportivo”, l’avvocato si rivolge al Collegio: “La vostra è una decisione che farà scuola, sarà pilota per tante questioni che vi ritroverete ad affrontare. Ci affidiamo alla vostra autorevolezza e competenza”. La presidente Gabriella Palmieri Sandulli ha assicurato che il “dispositivo sarà depositato nel più breve tempo possibile”. Bisognerà ancora attendere però, con la Juventus che resta col fiato sospeso in una settimana cruciale.
– foto Italpress –
(ITALPRESS).