Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Non basta Retegui, al Maradona Italia-Inghilterra 1-2

93

NAPOLI (ITALPRESS) – Parte con una sconfitta il cammino dell’Italia di Mancini nelle qualificazioni agli Europei del 2024. Al ‘Maradonà di Napoli l’Inghilterra (in 10 nel finale) batte 2-1 una formazione azzurra aggrappata fino all’ultimo al primo gol azzurro di Retegui. Il Ct italiano affida le chiavi della difesa a Toloi e Acerbi, mentre in attacco è l’esordiente attaccante del Tigre a guidare il tridente. Il classe 1999 non incide nel primo tempo, ma nella ripresa, al 56′, sigla il gol della speranza in risposta alle prime due reti di Rice e Kane (che diventa il miglior marcatore della nazionale dei tre leoni di tutti i tempi). A fare la differenza per i tre punti sono proprio le individualità inglesi da centrocampo in su in un primo tempo a senso unico. Al 12’ Bellingham guida una ripartenza e scarica il sinistro da fuori area, ma Donnarumma risponde presente e devia in corner. Nel calcio d’angolo successivo, però, gli inglesi colpiscono. Sugli sviluppi del traversone dalla destra, Kane tenta un tiro a botta sicura, la palla è deviata dalle parti di Rice che punisce Donnarumma e la difesa azzurra, apparsa fin troppo statica nell’area piccola.
Nel finale di tempo l’Inghilterra trova il 2-0 e sfiora il colpo di grazia. Al 41′ Di Lorenzo devia col braccio un pallone sugli sviluppi di un cross mentre tentava di prendere posizione su Kane. Il Var richiama il serbo Jovanovic e l’arbitro concede il rigore che il bomber del Tottenham trasforma nel 2-0. Al 46′ altra chance: Kane duetta con Saka e serve una palla d’oro per Grealish che a porta vuota sbaglia il colpo del ko. Un errore pesante, perchè al 56′ l’Italia riapre tutto con un’azione tutta in verticale: Barella supera la prima pressione, Pellegrini pesca Retegui che batte Pickford e realizza il suo primo gol in nazionale. All’80’ l’Inghilterra resta in 10: Shaw stende il solito Retegui e riceve il secondo giallo pochi istanti dopo aver ricevuto il primo per perdita di tempo. L’assedio azzurro però non porta a risultati. Domenica 26 marzo l’Italia sfiderà Malta nella seconda giornata di qualificazioni.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).