Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Arte, prima volta in Sicilia per Evelina Marconi con il suo Textile Anthropology

56

PALERMO (ITALPRESS) – Evelina Marconi, per la prima volta in Sicilia, con il suo ultimo progetto artistico targato Textile Anthropology, mediante il quale l’artista vuole studiare il territorio e l’uomo, attraverso il tessile, dove la ricerca botanica mappa il luogo in cui si trova, collezionando, raccogliendo, classificando e stampando campioni di erbe e fiori, molti dei quali unici, raccolti sull’Isola.
Textile Anthropology e’ la prima Residenza d’artista sull’Isola Longa, ideata e diretta da Antonella Amorelli, che ha individuato Evelina Marconi quale protagonista di un evento che si inserisce in un quadro di azioni – volute dalla proprietà dell’Isola – che mirano a promuovere la biodiversità dell’isola e il suo straordinario valore ambientale.
Isola Longa, collocata nella Riserva orientata dello Stagnone di Marsala, di fronte alle Isole Egadi, con le sue Saline rosa, costituisce un paesaggio unico segnato dall’antica e proficua interazione tra uomo e ambiente.
La produzione del sale è tuttora esercitata nell’Isola Longa, ed affonda le sue radici fin dai secoli scorsi.
La proprietà Isola Longa – con il suo Amministratore Piero Galli – è impegnata in prima linea nella salvaguardia e recupero di questa cultura, anche delle biodiversità, ed ospita questa residenza d’artista quale segnale in direzione di una sua riappropriazione consapevole da parte della comunità.
Il progetto artistico prevede anche un workshop experience, che sperimenta con piante autoctone – molte delle quali uniche sull’Isola Longa – una produzione di stampe botaniche su tessuti pregiati.
Presenzierà Franco Raimondo, già presidente della Societá Botanica Italiana, nonché dell’OPTIMA (Organization for the Phytotaxonomic Investigation of the Mediterranean Area) alla presenza dell’Artista.
La tavola rotonda verra moderata dall’Avvocato Paolo Angius, che da oltre vent’anni si occupa dello Sviluppo dell’area luogo dell’intervento, in un ottica di salvaguardia e recupero ecosostenibile.

foto Angius
(ITALPRESS).