Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Gang terrorizzava discoteca a Catania, a capo 15enne parente del boss

38

CATANIA (ITALPRESS) – I carabinieri del comando provinciale di Catania hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare del gip del tribunale ordinario e per i minorenni del capoluogo etneo a carico di 7 indagati, tra cui di un adolescente 15enne (in istituto penitenziario), accusati a vario titolo di estorsione, lesioni personali commesse in più persone riunite con utilizzo di armi, violenza privata, il tutto con l’aggravante del metodo mafioso. Le indagini, si legge in una nota dell’Arma, coordinate dalla procura distrettuale di Catania e condotte dal nucleo operativo della compagnia carabinieri di piazza Dante da febbraio a giugno 2023, hanno consentito di “appurare l’esistenza di un gruppo criminale di giovani operante nel centro cittadino, capeggiato da un congiunto di uno dei responsabili del gruppo Nizza, articolazione della famiglia di cosa nostra etnea ‘Santapaola-Ercolanò”.
La “gang”, avvalendosi della forza intimidatrice espressa dal sodalizio, tra febbraio e maggio 2023, “ha posto in essere una continua serie di vessazioni nei confronti del titolare e dei dipendenti di una discoteca nel porto di Catania, concretizzando una vera e propria ‘estorsione ambientalè. In particolare, gli indagati imponevano la loro presenza all’interno del locale, ‘spadroneggiandò con avventori e addetti ai lavori, sia per ottenere indebiti vantaggi patrimoniali, sia per affermare il proprio potere di assoggettamento”. In una circostanza il gruppo, con l’utilizzo di armi, ha attuato un violento pestaggio nei confronti di due giovani coetanei, procurando ad uno di essi lesioni guaribili in 10 giorni. Ne è derivato un ingente danno per il titolare dell’esercizio, consistente non solo nel mancato incasso di ingressi e consumazioni, ma soprattutto nel deterioramento dell’immagine del suo locale, nella riduzione di clientela, e nella gestione dei dipendenti.

– Foto: screenshot video ufficio stampa Carabinieri –
(ITALPRESS).