Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Garcia “Napoli motivato, vogliamo difendere lo scudetto”

41

NAPOLI (ITALPRESS) – “Centesima partita? Sono importanti i risultati e vincere la gara domani. Sono contento anche di essere alla guida di questo gruppo da 100 giorni. Siamo motivati e concentrati”. Così Rudi Garcia, tecnico del Napoli, in conferenza stampa in vista della sfida col Bologna, in programma domani alle 18 al Dall’Ara. “Abbiamo dimostrato da inizio stagione che siamo una squadra offensiva, abbiamo sempre fatto gol, potevamo farne di più anche a Braga – ha sottolineato l’allenatore francese -. In campionato abbiamo preso 5 gol, ma abbiamo subito solo 8 tiri in porta. Un pò più di efficacia difensiva ci vorrebbe. Sul gioco possiamo migliorare. Andremo a Bologna per vincere contro una squadra che ha un buon allenatore come Thiago Motta. Quando era giocatore lo ammiravo. Loro hanno qualità, ma guardiamo a noi”. Attualmente i partenopei sono sesti in classifica, un risultato che certamente non fa contento Garcia: “Vogliamo entrare nei primi quattro posti in classifica in Serie A e per farlo dobbiamo vincere domani. Obiettivo richiesto da De Laurentiis? Un club come il nostro deve giocare la Champions League ogni anno, dobbiamo finire tra le prime quattro. Quando sei campione in carica però l’ambizione è difendere con gli artigli lo scudetto che abbiamo sul petto”. “Ogni volta che incontro i tifosi mi incoraggiano, mi dicono che sono con me – ha detto Garcia -. Lavoriamo ogni giorno per crescere e migliorare. In Champions abbiamo vinto in modo meritato e potevamo fare più gol, cosa che avrebbe permesso di vedere il bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto. Aspettiamo adesso la sfida col Real Madrid”. Qualcosa in più avrebbero potuto fare anche Kvara e Osimhen: “Spero che Kvara troverà il gol in fretta. Se ne fa una fissazione non lo farà. Il gol e la fiducia torneranno in modo naturale, gliel’ho già detto. Spero che Osimhen abbia le stesse occasioni che ha avuto a Braga. Se sarà così farà sempre almeno un gol a partita, forse anche due. E’ uno dei migliori attaccanti in Europa. La sua efficacia è una cosa che non mi preoccupa”. Infine, sulla possibilità di fare delle rotazioni: “Ho una rosa forte, soprattutto in attacco. Posso cambiare dei giocatore e avere ugualmente una qualità alta. Turnover? Ci può essere, ma in ogni gara c’è chi inizia e chi entra. E’ una cosa su cui riflettiamo visto che abbiamo diverse partite ravvicinate. Quindi non è possibile giocare sempre con lo stesso undici. Serve il collettivo ed è una cosa di cui parlo spesso alla squadra”.
– Foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).