Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Ragusa, eseguito primo intervento di Cardioneuromodulazione presso la Cardiologia dell’ospedale “Giovanni Paolo II”

258

L’Unità Operativa Complessa di Cardiologia dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Ragusa, diretta da Antonino Nicosia, si conferma una fucina dell’innovazione in ambito sanitario: è stato eseguito, infatti, il primo intervento di Cardioneuromodulazione (CNM) su un ragazzo di 19 anni per evitare un impianto di pacemaker. L’intervento è stato condotto dal dottor Giuseppe Campisi, responsabile della Elettrofisiologia ed Emodinamica, in collaborazione con la dottoressa Giulia Rapisarda.
La CNM è una tecnica di ablazione dei gangli cardiaci utilizzata per il trattamento di pazienti con crisi vasovagali, cioè un rallentamento della frequenza cardiaca, a volte così grave da comportare una sincope (perdita di coscienza) del paziente. “Il ragazzo – spiega Campisi – era stato indirizzato al nostro centro per l’impianto di un pacemaker a causa di episodi sincopali ricorrenti nonostante i trattamenti convenzionali. Durante la registrazione Holter-ECG è stata rilevata un’asistolia di 20 secondi. Così, dopo una discussione con il paziente e la sua famiglia, abbiamo deciso di eseguire sul giovane la CNM”.
Nella Cardioneuromodulazione Transcatetere, viene utilizzata una sonda speciale che viene inserita attraverso un catetere nella vena femorale, in anestesia locale a paziente vigile. La sonda raggiunge i gangli cardiaci che si trovano vicini al cuore e distrugge le cellule nervose responsabili della disfunzione cardiaca. Essa rappresenta un’opzione di trattamento relativamente nuova, ma i risultati delle ricerche iniziali sono promettenti e suggeriscono che è efficace per trattare pazienti con aritmie cardiache o crisi vaso-vagali cardioinibitorie che non rispondono agli altri trattamenti.
Grande soddisfazione esprime il dottore Nicosia: “L’intervento di Cardioneuromodulazione è stato un successo: in questo modo siamo riusciti a evitare l’impianto del pacemaker a un ragazzo ancora troppo giovane”. Il paziente è stato dimesso dall’ospedale il giorno successivo all’operazione, in perfetta salute, e felice di poter tornare alla vita di tutti i giorni senza dover affrontare nuovi episodi sincopali. Con l’equipe della U.O.C. di Cardiologia si congratula anche il commissario straordinario dell’ASP di Ragusa, Fabrizio Russo: “Questo successo non fa che aumentare la prestigiosa reputazione del reparto di Cardiologia dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Ragusa, sempre all’avanguardia nelle tecniche diagnostiche e chirurgiche, grazie all’impegno, alla passione e alla professionalità dei suoi medici e dei suoi operatori sanitari”.