Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Il Parlamento Europeo Giovani a Ragusa

322

Giovani. Progresso. Europa. Queste le parole che sommamente esauriscono ciò che si terrà a Ragusa dall’11 al 14 maggio. La città sarà infatti sede della Sessione Regionale Siciliana dell’Associazione Parlamento Europeo Giovani (PEG). L’evento avrà come protagonisti circa 70 studenti delle scuole superiori della Regione Siciliana e uno staff internazionale composto da giovani provenienti da tutta Europa. L’obiettivo? Promuovere la cultura delle istituzioni come luogo delle soluzioni, dell’Europa come casa unitaria dei nostri valori, del confronto e della diversità come uniche stelle polari della crescita sociale. Si tratterà di un evento nel quale giovanissimi studenti avranno l’opportunità di assumere nuove competenze vestendo pienamente il ruolo di Europarlamentari e simulando una sessione dell’Europarlamento, crescendo così nella convinzione del rispetto delle posizioni altrui e confrontandosi con tematiche importanti della legislazione europea attinenti ad un più generale tema, il potere del progresso e dell’innovazione, meglio approfondito in seguito.

L’Associazione Parlamento Europeo Giovani, costituita nel 1994 a Milano, promuove la dimensione e l’identità europea nelle università e nelle scuole secondarie superiori italiane. È uno dei 40 comitati nazionali, attivi in altrettanti Paesi europei, che compongono il network internazionale European Youth Parliament (EYP), fondato nel 1987. EYP ogni anno coinvolge più di 30.000 giovani cittadini europei in quasi 500 eventi in ogni angolo d’Europa organizzati da oltre 3.000 giovani volontari, rappresentando la più grande associazione europea di educazione non formale alla cittadinanza attiva. Gli eventi sono delle simulazioni in lingua inglese del processo decisionale di un’assemblea parlamentare organizzate secondo la suddivisione in commissioni del Parlamento Europeo.

Gli eventi organizzati dai vari comitati nazionali offrono a tutti i partecipanti la grandissima opportunità di arricchire il proprio bagaglio culturale e le proprie capacità personali, ponendosi come un momento di incontro e scambio per la creazione di un’Europa unita nel rispetto delle diversità. L’utilizzo di metodologie di educazione non formale rende gli eventi particolarmente stimolanti e favorisce la partecipazione attiva di ciascun giovane. La missione dello European Youth Parliament è di promuovere i valori del rispetto, del confronto e dell’autonomia di pensiero tra i giovani.

Le 8 tematiche che verranno affrontate a Ragusa2023 nelle altrettante commissioni saranno legate al più generale tema del potere del progresso e dell’innovazione. L’indirizzo infatti che il responsabile dell’organizzazione (Head Organiser) ha voluto dare a questa sessione tende alla fortificazione dell’idea del progresso valoriale e dell’innovazione tecnologica come elementi fondamentali nelle società moderne. Fattori costitutivi che devono necessariamente andare di pari passo: in particolare l’innovazione tecnologica, per non lasciare indietro nessuno, non creare disuguaglianze e non diventare l’antitesi della sostenibilità, deve assolutamente avere come guida un grande progresso valoriale. È necessario costruire una società fondata sulla libertà assoluta della manifestazione del pensiero, sul rispetto della diversità, sulla visione della soluzione come sintesi della pluralità. Risulta fondamentale trasmettere l’idea di una società il cui compito sia adattarsi alla molteplicità degli individui che la compongono ed alle loro diversità. Non il contrario.

L’evento è articolato in tre fasi principali: nel corso del Teambuilding i ragazzi imparano a conoscere i propri compagni di commissione mediante una serie di giochi e di attività interattive che mirano a rompere il ghiaccio e a creare un forte spirito di gruppo; durante il Committee Work ci si confronta e si riflette su una tematica specifica insieme ai propri

compagni di commissione, analizzando i problemi e le sfide ad essa legate per poi proporre soluzioni in merito e giungere alla stesura di una risoluzione scritta; ogni commissione presenta poi le proprie proposte nella parte conclusiva della sessione, l‘Assemblea Generale. Dopo una fase di dibattito durante la quale i delegati possono sollevare punti dal posto o tenere discorsi al podio, ogni risoluzione viene messa ai voti.

L’evento ad oggi annovera tra i propri partner il Comune di Ragusa, la Consulta Giovanile del Comune di Ragusa, Fondazione con il Sud (main partner), Fondazione San Giovanni Battista, Fondazione Luigi Einaudi, Banca Agricola Popolare di Ragusa, eVision SRL, l’AVIS di Ragusa.