Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Da Tokyo ai fumetti, Cesarini e Rodini “Vogliamo essere un esempio”

81

MILANO (ITALPRESS) – Una bellissima storia olimpica tradotta in fumetti. Al Combo di Ripa di Porta Ticinese, a Milano, sette atlete della nazionale di canottaggio sono state premiate per meriti sportivi: Aurora Spirito, medaglia d’argento ai Mondiali junior nel singolo, Clara Guerra, Valentina Iseppi, Silvia Terrazzi, Alessandra Montesano (due di loro quarte classificate a Tokyo 2020 nel quattro di coppia), e soprattutto Federica Cesarini e Valentina Rodini, le campionesse che nell’estate giapponese hanno scritto la storia del canottaggio femminile vincendo la prima medaglia d’oro olimpica nel due di coppia pesi leggeri. L’evento è stato organizzato da Fujifilm – partner ufficiale della Federazione Italiana Canottaggio dal 2016 – nell’ambito di un nuovo progetto editoriale promosso insieme alla Gazzetta dello Sport e alla stessa FIC. E nella cornice del palazzo di ringhiera oggi sede di un ostello che si affaccia sul Naviglio Grande, Fujifilm Italia ha presentato per la prima volta “Never Stop: Storia di una barca e di una medaglia d’oro”: frutto della penna della scrittrice e avvocato Ester Viola, nel volume sono raccontate le storie di fatiche e successi di Federica Cesarini e Valentina Rodini che, da studentesse con la passione per il canottaggio, sono diventate campionesse olimpiche protagoniste di un fumetto. All’appuntamento hanno partecipato Kai Fukuzawa, presidente e managing director di Fujifilm Italia, Giuseppe Abbagnale, numero uno della Federcanottaggio e pluricampione olimpico, e Claudia Giordani, vicepresidente del Coni. “Da sempre desidero spendermi in prima persona per valorizzare le figure femminili – spiega Luana Porfido, capo comunicazione europea Fujifilm – Penso che chi opera con determinazione e costanza per ottenere dei risultati debba essere portato ad esempio per contribuire a diffondere il più possibile la mentalità sportiva nella vita di tutti i giorni”. “La campagna ‘Never Stop’ – aggiunge Giuseppe Abbagnale, presidente Fic – fa ormai parte del progetto femminile federale che ha raggiunto l’apice con la conquista della medaglia d’oro olimpica da parte delle straordinarie atlete Federica Cesarini e Valentina Rodini, due fantastiche ragazze che proseguono la loro corsa verso i Giochi di Parigi 2024. E’ anche grazie a queste iniziative – conclude Abbagnale – se il canottaggio femminile continua a registrare una buona crescita tra gli sport olimpici”. “E’ bellissimo essere qui per questo progetto di Fujifilm, che ci ha sempre sostenute – racconta Valentina Rodini – credo e spero che le azioni mie e delle mie compagne parlino da sole: noi mettiamo tutte noi stesse nell’allenamento e in quello che facciamo, soprattutto perchè ci diverte e ci fa stare bene, quindi spero che il nostro benessere passi alle nuove generazioni che ci guardano e che anche loro possano innamorarsi di questo sport”. Federica Cesarini, dal canto suo, sa di poter rappresentare un esempio per altre ragazze “come altre lo sono state per me: io ho ricevuto quello che mi hanno tramandato le più grandi e per questo siamo riuscite a trasformare una passione in lavoro, cosa che non era affatto scontata”. Per le due azzurre anche il premio del Comitato Nazionale Italiano Fair Play per il progetto “Avocado” che ha visto la loro collaborazione con l’azienda lombarda DiBi per la realizzazione di una linea di body sportivi a loro nome, personalizzata e creata con materiale riciclabile, il cui ricavato ha finanziato due borse di studio per studenti e atleti della categoria giovanile juniores della FIC.
– foto xa1/Italpress –
(ITALPRESS).