Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Morti di fame sei migranti su un barcone, altri 26 sono sbarcati a Pozzallo

0 11

POZZALLO (RAGUSA) (ITALPRESS) – Sei rifugiati siriani, tra cui due bimbi di uno e due anni, un adolescente e tre adulti, sono morti su un barcone presumibilmente di fame e di sete. Lo rende noto l’Unhcr sottolineando che l’Agenzia sta assistendo i 26 sopravvissuti sbarcati a Pozzallo, nel Ragusano.
L’Unhcr, si legge in una nota, “si rammarica profondamente per la tragica morte di sei siriani, tra cui due bambini piccoli e una donna anziana, avvenuta durante un viaggio disperato in mare per cercare sicurezza in Europa”. Inoltre, “esprime le proprie condoglianze ai parenti delle vittime, alcune delle quali sono sopravvissute ad un viaggio drammatico di diversi giorni e fanno parte di un gruppo di 26 persone che stanno sbarcando da una nave della Guardia Costiera italiana a Pozzallo. Due persone, una donna e sua figlia, sono state evacuate a Malta ieri sera per essere curate”.
“L’Unhcr – sottolinea la nota – è presente allo sbarco e sta lavorando con le organizzazioni non governative per garantire la necessaria assistenza ai sopravvissuti, incluso un supporto psicologico specializzato”.
“Le vittime – rende noto l’Agenzia – sarebbero due bambini di 1 e 2 anni, un dodicenne e tre adulti, tra cui la nonna e la madre di bambini sopravvissuti. Si pensa che siano morti di fame e di sete. Molte delle persone sbarcate a Pozzallo presentano anche condizioni estremamente gravi, tra cui ustioni”.
“Questa inaccettabile perdita di vite umane e il fatto che il gruppo abbia trascorso diversi giorni alla deriva prima di essere soccorso evidenziano ancora una volta l’urgente necessità di ripristinare un meccanismo di ricerca e soccorso tempestivo ed efficiente, guidato dagli stati nel Mediterraneo”, ha dichiarato Chiara Cardoletti, rappresentante dell’Unhcr in Italia, Santa Sede e San Marino. “Il soccorso in mare è un imperativo umanitario saldamente radicato nel diritto internazionale. Allo stesso tempo, è necessario fare di più per ampliare i canali sicuri e regolari e crearne di nuovi per fare in modo che le persone in fuga da guerre e persecuzioni possano trovare sicurezza senza mettere ulteriormente a rischio le loro vite”.
“Quest’anno, oltre 1.200 persone sono morte o risultano disperse nel Mediterraneo”, fanno sapere dall’Unhcr.
“Un orrore senza fine. E’ inaccettabile assistere a questa terribile disumanità”, commenta il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, dopo che sono stati trasportati dalla Guardia costiera e sbarcati a Pozzallo 26 migranti “in condizione di grave disidratazione”.
“Una motovedetta della Guardia Costiera, nella notte, ha trasbordato da una nave commerciale, 26 migranti che verosimilmente si trovavano su un barcone – spiega il primo cittadino -. Si tratta di quattro donne, due minori accompagnati e 20 uomini. I tamponi al Covid-19 sono risultati tutti negativi”. “E’ impressionante – aggiunge il sindaco Ammatuna – lo stato di disidratazione e debolezza di tutti i migranti che faticavano a mantenere la stazione eretta. Oltre al grave stato di disidratazione, si evidenziava anche un’eccessiva desquamazione cutanea da probabile esposizione al vento, al sole e al mare. Una migrante è stata trasportata in ospedale, tutti gli altri sono stati immediatamente rifocillati ed idratati a Pozzallo. L’immagine terribile era paragonabile a quella dei sopravvissuti nei lager nazisti”. Inoltre, “se le notizie di stampa, si parla di sei morti, dovessero essere confermate, si tratterebbe di una vera e propria ecatombe”, conclude.
foto comune di Pozzallo
(ITALPRESS).