Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

A Palermo il ricordo a 40 anni dall’omicidio del generale Dalla Chiesa

0 17

PALERMO (ITALPRESS) – Società civile, Comune, Regione e Stato: il connubio tra cittadinanza e istituzioni ha celebrato il ricordo del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa nel luogo in cui, quarant’anni fa, Cosa nostra lo uccise insieme alla moglie Emanuela Setti Carraro e all’autista Domenico Russo. Per onorarne la memoria sono state deposte diverse corone di fiori: presenti la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, il sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Teo Luzi; il governatore regionale della Sicilia Nello Musumeci, il sindaco di Palermo Roberto Lagalla e il figlio della vittima Nando Dalla Chiesa. Nelle ‘retroviè, insieme agli esponenti delle forze dell’ordine, altre figure istituzionali (il presidente Ars Gianfranco Miccichè, il procuratore generale della Corte d’appello di Palermo Lia Sava) e un centinaio di cittadini, che nonostante il caldo e l’avvio del fine settimana non hanno rinunciato a rinnovare il loro omaggio a un uomo che, pur rimanendo in carica appena 127 giorni, si spese fino all’ultimo giorno nel contrastare Cosa nostra.
“La uccisione, quaranta anni or sono, del Prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa e della moglie Emanuela Setti Carraro, il ferimento mortale dell’agente Domenico Russo, deceduto alcuni giorni dopo, gettarono Palermo, la Sicilia, il Paese intero nello sgomento. Ancora una volta la ferocia della violenza criminale mafiosa, in un crescendo di arroganza, non risparmiava un servitore della Repubblica nè le persone che avevano l’unica colpa di essergli vicine”. Così nel suo messaggio
il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dei 40anni dal delitto.
“Quell’estremo gesto di sfida contro un eroe del nostro tempo, un Carabiniere protagonista della difesa della democrazia contro il terrorismo, si ritorse contro chi lo aveva voluto. La comunità nazionale, profondamente colpita da quegli avvenimenti, seppe reagire dando prova di compattezza e di unità d’intenti contro i nemici della legalità, delle istituzioni, della convivenza civile”.

“Il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa è un modello di fedeltà allo Stato e ai suoi valori fondamentali. È stato partigiano, ha sconfitto il terrorismo e combattuto Cosa Nostra. Le sue intuizioni, la sua onestà e il suo spirito di sacrificio hanno segnato la nostra storia. È grazie ad esempi come il suo che i nostri giovani crescono in un mondo in cui il sentimento dell’antimafia è più forte e radicato. A 40 anni dalla strage mafiosa di Via Carini, in cui persero la vita anche la moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di Polizia Domenico Russo, tutti abbiamo il dovere di ricordarlo e onorarlo”. ha dichiarato il Presidente del Senato Elisabetta Casellati.
Il sindaco di Palermo Roberto Lagalla ha deposto una corona di fiori in via Isidoro Carini, luogo dell’attentato mafioso «Nel giorno del quarantesimo anniversario dell’uccisione del generale dei carabinieri e prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, esempio di fedeltà ai valori dello Stato e della legalità. Oggi Palermo si stringe nel commosso ricordo del prefetto Dalla Chiesa, della moglie Emanuela Setti Carraro e dell’agente Domenico Russo, vittime della strage del 3 settembre 1982. Dopo il contrasto alle Brigate rosse, Dalla Chiesa non ha esitato nell’accettare il gravoso incarico a Palermo, una città martoriata e già insanguinata dagli attacchi della mafia allo Stato. Restano ancora oggi il dolore e il rammarico per non aver visto un uomo di grande intelligenza e lungimiranza come Dalla Chiesa accompagnato nel modo giusto e con adeguati strumenti dallo Stato nella lotta a Cosa nostra. Dalla Chiesa ha lasciato comunque un’eredità preziosa che auspico possa sempre ispirare il lavoro quotidiano di ogni uomo dello Stato e in particolare dei carabinieri che ringrazio per i loro quotidiani sforzi contro ogni forma di criminalità» ha concluso il sindaco.

– foto: xd8/Italpress
(ITALPRESS).