Con InSiciliaTV l’informazione la fai tu

Fondazione Sicilia, assegnate le borse studio per l’American Academy in Rome

0 9

PALERMO (ITALPRESS) – Il duo composto da Antonella Genuardi e Leonardo Ruta per la sezione Arti visive e Gaia Nuccio per quella Studi umanistici sono i vincitori delle borse di studio erogate da Fondazione Sicilia per l’American Academy in Rome.
Le due borse di studio, del valore 25.000 euro ciascuna, erano state messe in palio attraverso un bando dalla Fondazione Sicilia per permettere ad artisti e umanisti di frequentare la prestigiosa accademia romana come “Affiliated Fellows” per l’anno accademico 2022-2023.
Per la sezione Arti visive, la commissione di esperti nominata dalla Fondazione Sicilia (presidente Emilio Isgrò, componenti Marco Bazzini e Valentina Bruschi) ha selezionato i progetti di Violetta Massa, con Big Deal in Rome, Loredana Longo con There is no hell and no heaven, Rosamaria Palazzo, con Hortus Aeternus e il duo Antonella Genuardi e Leonardo Ruta, con il progetto Le trombe d’oro della solarità.
La commissione dell’American Academy in Rome ha premiato il duo Genuardi/Ruta, con questa motivazione: “Il duo artistico Genuardi/Ruta si è distinto per la pratica profondamente collaborativa messa in campo, approccio questo che da sempre l’Accademia cerca di promuovere. Inoltre, il loro progetto il cui punto focale verte sull’architettura e il design tecnico di Pierluigi Nervi si manifesta in modo particolare a Roma, città che vanta alcune delle strutture maggiormente innovative del Nervi e che ospita il suo archivio presso il Museo MAXXI. Infine, la coppia ci ha colpiti per l’eccezionale opportunità che offriranno ai borsisti Rome Prize di conoscere la cultura siciliana, cosa che questi artisti hanno già fatto in modo così significativo promuovendo la cultura siciliana attraverso la loro casa editrice ed attraverso altri progetti di collaborazione”
Per la sezione Studi umanistici, la commissione di Fondazione Sicilia (presidente Vincenzo Trione, componenti Ermanno Arslan e Salvatore Carrubba) ha selezionato i progetti di Gaia Nuccio, con The Roman apprenticeship of Sicilian architects (1650-1750), a a passport to professional success; Maria Rizzuto, con Eastern Liturgical Chant in Rome and Palermo. Musical Itineraries between Rite and Performance; Vincenzo Tedesco, con Inquisition and Magic in Italy the Late Middle Ages. A Research Based on Treatises and Trial Sources e Marta Venuti, con Cities in Sicily during late antiquity and early medieval age: the case of Taormina.
La commissione dell’Academy ha decretato la vittoria dello studio sugli architetti siciliani, di Gaia Nuccio, con questa motivazione: “L’apprendistato romano degli architetti siciliani (1650 1750), come passaporto al successo professionale rappresenta uno sguardo innovativo e interdisciplinare sugli scambi architettonici e le reciproche fertilizzazioni tra Roma e Sicilia durante la turbolenta fine del XVII e l’inizio del XVIII secolo. Il lavoro di Gaia Nuccio offrirà spunti critici sulle questioni del mecenatismo laico ed ecclesiastico, nell’urbanistica e nella formazione professionale degli architetti dell’Italia della prima età moderna. Inoltre, il suo attento esame sull’impatto dell’apprendistato romano su tre architetti siciliani mappa il processo di scambio culturale in un periodo di cambiamento stilistico e tecnico dell’architettura”.
“In linea con la missione della Fondazione, abbiamo promosso l’erogazione delle borse di studio per la prestigiosa American Academy in Rome per incentivare l’internazionalizzazione della nostra isola. Per entrambi i bandi – afferma il presidente di Fondazione Sicilia, Raffaele Bonsignore – era infatti richiesto l’avere compiuto il proprio percorso di studio e formazione in Sicilia e l’essere residente e lavorare nell’isola. Le motivazioni con cui le borse di studio sono state assegnate ci rendono sempre più convinti della qualità degli studiosi siciliani che, sicuramente, troveranno in questa esperienza ulteriori stimoli per il loro lavoro”.

foto ufficio stampa Fondazione Sicilia

(ITALPRESS).